Rinnovo accordo quadro RPT – FCA avente ad oggetto speciali condizioni di acquisto autoveicoli marchi Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Jeep e Fiat Professional, riservate agli iscritti

Dopo il successo dell’iniziativa messa in campo negli scorsi anni, inerente all’accordo quadro tra RPT e FCA (FIAT Chrysler Automobiles), che prevedeva condizioni di acquisto di particolare favore riservate agli iscritti agli Ordini e Collegi aderenti alla Rete Professioni Tecniche, si comunica che lo stesso accordo, rimodulato da parte di FCA, è stato rinnovato per l’anno 2017.

Il nuovo accordo, con scadenza 31/12/2017, è rimasto sostanzialmente invariato rispetto a quanto concordato in precedenza, ad eccezione della Fiat PANDA che ha visto aumentare lo
sconto dal 23% al 24% sconto, e l’introduzione dell’ALFA ROMEO STELVIO, con il 14% di sconto.
Rispetto all’accordo precedente rientrano nel target anche gli studi associati. È stata confermata la cumulabilità di tutte le iniziative finanziarie del mese, lasciando ai professionisti iscritti più ampie possibilità di pagamento.
L’iniziativa – non cumulabile con altre promozioni – è valida per i veicoli ordinati presso la rete Concessionaria Italiana dei Marchi Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Jeep e Fiat Professional, al 31 dicembre 2017 e comunque immatricolati entro il 31/12/2017.

Fra i dettagli dell’accordo è indicata la percentuale di sconto che verrà applicata sull’acquisto dei modelli appartenenti ai marchi sopra elencati.
Nell’accordo FCA ha confermato la “Valutazione dell’usato ritirato” che sarà effettuata attraverso una libera trattativa con le concessionarie dei Marchi Fiat, Abarth, Lancia, Alfa Romeo,
Jeep e Fiat Professional, sulla base del valore di mercato.
Per poter usufruire dello sconto, come per gli accordi precedenti, sarà necessario che le autovetture siano intestate direttamente agli iscritti e che gli stessi, all’atto della prenotazione del
veicolo (firma del contratto), consegnino uno dei seguenti documenti comprovanti la propria iscrizione ai relativi albi professionali:

  • certificato di regolare iscrizione all’Albo o Registro professionale dell’Ordine o Collegio di appartenenza;
  • tesserino di iscrizione all’Albo o Registro professionale di appartenenza;
  • copia del MAV o di altro bollettino di regolare versamento della quota annuale di iscrizione all’Albo o Registro professionale di appartenenza;
  • autocertificazione di appartenenza all’Albo o Registro professionale di appartenenza.
Credits Edinet - Realizzazione Siti Internet